L´album del sassofonista contralto Alessandro Berzozzi è un delizioso collage di fusion, funk, soul, smooth jazz che merita l´ascolto, se non altro perchè il leader è un perfezionista che fa le cose molto bene e quindi si prende tutto il tempo necessario fra un´incisione e l´altra. A parte il lavoro di turnista presso cantanti pop ha scelto di seguire una propria strada incidendo con musicisti di tutto rispetto. Su questo disco ci sono il compianto chitarrista Hiram Bullock in due tracce, così come il trombettista Randy Brecker mentre in otto delle undici tracce c´è il bassista John Patitucci. Su Da Vinci Blues si ascolta un assolo di Bullock …

Vai alla recensione